Taglie abiti, per non sbagliare scegliendo un vestito online

Quando si cercano vestiti su negozi online, che siano per una cerimonia, un’occasione speciale, per tutti i giorni, che si tratti di biancheria intima o per il lavoro

Taglie abiti small, medium, large, XL… Quale scegliere? Una cosa che può aiutare molto è l’opinione di altri utenti che hanno acquistato lo stesso articolo prima di noi, come le recensioni su amazon o su siti come zalando. Come veste? Comoda, abbondante, aderente o normale? Talvolta neppure una decina di opinioni sono sufficienti, perché si sa che non siamo fatti tutti allo stesso modo. E soprattutto le taglie non sono tutte uguali da marchio a marchio, differiscono di poco o tanto.

Alcuni venditori molto scrupolosi, mostrano le taglie in questo modo:

creuxcycling.com

Cioè, prendono il capo in vendita e lo misurano direttamente: shoulder (spalle), chest (petto), hem (bordo) e length (lunghezza). Questo è il metodo più veloce per non sbagliare taglia. Se si prende un metro e si paragonano queste misure con una nostra maglia che ci sta bene si avrà la quasi certezza di azzeccare la taglia giusta.

Uno dei capi d’abbigliamento più difficoltosi da acquistare online è la camicia. Qui le misure non possono essere approssimative ma devono calzare alla perfezione altrimenti ci starà male. Nell’immagine sotto ancora sono indicate anche le taglie forti. Come si può notare dalle due immagini, le taglie vanno sempre consultate sul sito dove si intende acquistare il capo d’abbigliamento, perché raramente corrispondono da negozio a negozio.

ilcastellocamicie.it
robyandroby.eu

Mettiamo invece che un sito di vendita online non mostri le misure prese direttamente dai capi ma scriva semplicemente XS, S, M, L, XL, e via dicendo più la vestibilità. La vestibilità oggi viene indicata con questi termini inglesi: skin fit (aderente a pelle), slim fit (aderente), regular fit (normale), confort fit (taglia comoda), oversize fit (solitamente si tratta di una taglia unica). La vestibilità sta ad indicare lo spazio tra il vestito e la pelle, si parte da un’aderenza totale a uno spazio di vari cm.

www.robedikappa.com

Nell’immagine sopra, per “I layer” (1 strato) s’intende un capo a contatto con la pelle, tipo t-shirt, jeans o maglieria intima, per “II layer” (2 strati) i maglioni o comune un abito che solitamente sovrasta un primo strato e “III layer” (3 strati), cappotti, giubbotti e simili.

Se non ci sono commenti o sufficienti informazioni su cui fare riferimento per non sbagliare la taglia, non rimane che contattare il venditore e chiedere. Non abbiate timore di farlo, perché rispedire indietro una merce è assai più fastidioso e seccante. Un esempio di ottimo rapporto con la clientela è quello del sito sotto. Parliamo di intimo, una delle cose più complicate da scegliere online.

Intimodimarca è un sito di biancheria intima alla mano per i prezzi ma soprattutto per la cortesia del personale, se avete qualche domanda o dubbio riguardo un articolo vi risponderanno con cortesia.

Condividi l'articolo
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti